La Focus Area 3 della Priorità 6 ha come:

Obiettivo. Promuovere l'accessibilità, l'uso e la qualità delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) nelle zone rurali.
Target. Popolazione beneficiaria di infrastrutture TIC nuove o migliorate.

In risposta ai seguenti fabbisogni:

FB05. Accrescere il livello di competenza degli operatori
FB30. Potenziare la qualità delle ICT e l'accessibilità alla rete
FB31. Sviluppare e diffondere l’impiego delle ICT

Linee di Intervento proposte

185. Sostegno alle aziende per utilizzo servizi di consulenza nel settore delle TIC

186. Sostegno per azioni di formazione professionale e acquisizione di competenze nel settore delle TIC

187. Sostegno per l'installazione, miglioramento e l'espansione di infrastrutture a banda ultralarga
  • Non prioritaria per FEDERAZIONE DEGLI ORDINI PROVINCIALI DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DEL VENETO perchè: funzione che spetta agli Enti e alle Amministrazioni locali e non deve sottrarre risorse ad altre tematiche

188. Aumentare l'accesso al web

189. Sviluppare e diffondere l’uso delle TIC

190. Potenziare e diffondere i servizi di e-government
  • Non prioritaria per FEDERAZIONE DEGLI ORDINI PROVINCIALI DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DEL VENETO perchè: funzione che spetta agli Enti e non deve sottrarre risorse ad altre tematiche

191. Sostegno per azioni di alfabetizzazione nel settore delle TIC


Interventi suggeriti:

4.2. Sostegno agli investimenti per la trasformazione/ commercializzazione e lo sviluppo dei prodotti agricoli
Questa Linea di Intervento è prioritaria per FEDERAZIONE DEGLI ORDINI PROVINCIALI DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DEL VENETO perché:
Sostegno e sviluppo dell' e-commerce per le aziende agricole nella loro fase di commercializzazione (FB31)
16.2. Sostegno per progetti pilota. Sostegno per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie nel settore agroalimentare e forestale
Questa Linea di Intervento è prioritaria per GAL ALTO BELLUNESE - RAPPRESENTANTE DEI GAL DI MONTAGNA - perché:
Nel “Position Paper” presentato dai Rappresentanti delle zone montane del Veneto nel dicembre 2013 e relativo alla preparazione dei Programmi operativi e del Programma di sviluppo rurale del Veneto per il periodo 2014-2020, oltre che nell’offerta di infrastruttura a banda larga e ultra-larga, nelle zone montane è necessario investire anche nella domanda, mediante lo sviluppo di prodotti e servizi TIC nei servizi pubblici (e-government, e-learning, e-inclusion, e-culture e e-health) e nelle imprese (e-commerce). A tal fine, si propone di sperimentare un nuovo approccio basato sulla elaborazione e realizzazione di “Agende Digitali Locali” (ADL), strumenti politico-programmatico e di pianificazione approvati nel 2005 al II Summit Mondiale sulla Società dell’Informazione delle Città e dei Governi Locali (Bilbao, Spagna - Novembre 2005), per combattere il divario digitale e per assicurare che anche le popolazioni delle zone montane possano usufruire dei benefici generati dalla Società dell’Informazione. L’Agenda digitale locale per le zone montane del Veneto potrebbe rappresentare un “progetto pilota”, ai sensi dell’art. 35, prf. 2, lett. a) del Regolamento (UE) n. 1305/2013, nell’ambito del sottoprogramma tematico per le zone montane.
16.2. Sostegno per progetti pilota. Sostegno per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie nel settore agroalimentare e forestale
Questa Linea di Intervento è prioritaria per UNIONE NAZIONALE COMUNI COMUNITA' ENTI MONTANI - DELEGAZIONE REGIONALE DEL VENETO perché:
Nel “Position Paper” presentato dai Rappresentanti delle zone montane del Veneto nel dicembre 2013 e relativo alla preparazione dei Programmi operativi e del Programma di sviluppo rurale del Veneto per il periodo 2014-2020, oltre che nell’offerta di infrastruttura a banda larga e ultra-larga, nelle zone montane è necessario investire anche nella domanda, mediante lo sviluppo di prodotti e servizi TIC nei servizi pubblici (e-government, e-learning, e-inclusion, e-culture e e-health) e nelle imprese (e-commerce). A tal fine, si propone di sperimentare un nuovo approccio basato sulla elaborazione e realizzazione di “Agende Digitali Locali” (ADL), strumenti politico-programmatico e di pianificazione approvati nel 2005 al II Summit Mondiale sulla Società dell’Informazione delle Città e dei Governi Locali (Bilbao, Spagna - Novembre 2005), per combattere il divario digitale e per assicurare che anche le popolazioni delle zone montane possano usufruire dei benefici generati dalla Società dell’Informazione. L’Agenda digitale locale per le zone montane del Veneto potrebbe rappresentare un “progetto pilota”, ai sensi dell’art. 35, prf. 2, lett. a) del Regolamento (UE) n. 1305/2013, nell’ambito del sottoprogramma tematico per le zone montane.
19.7. Sostegno per costi di gestione di strategie di sviluppo locale
Questa Linea di Intervento è prioritaria per ASSOCIAZIONE VENETA PRODUTTORI BIOLOGICI A.Ve.Pro.Bi. - RAPPRESENTANTE ASSOCIAZIONI VENETE DEI PRO perché:
Creare reti su base informatica finalizzate ad una razionale difesa fitosanitaria capillare ed accessibile a tutti i produttori. Lo scopo sarà quello di ridurre il numero degli interventi fitosanitari, favorendo l'informazione sull'uso dei prodotti ammessi in agricoltura biologica e quelli a basso impatto ambientale.