La Focus Area 3 della Priorità 1 ha come:

Obiettivo. Incoraggiare l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita e la formazione professionale nel settore agricolo e forestale.
Target. n. di partecipanti ai corsi.

In risposta ai seguenti fabbisogni:

FB01. Migliorare governance, coordinamento e cooperazione tra attori del "sistema regionale della conoscenza e innovazione" ed imprese
FB02. Potenziare l’offerta del sistema della conoscenza
FB03. Favorire l’ingresso dei giovani e il ricambio generazionale con assunzione di responsabilità imprenditoriale
FB04. Miglioramento e razionalizzazione della governance del sistema agricolo-rurale e dei sistemi locali.
FB05. Accrescere il livello di competenza degli operatori
FB06. Miglioramento della redditività delle imprese agricole, forestali e agroalimentari
FB07. Aumento dell’integrazione territoriale delle imprese agricole, forestali e agroalimentari
FB08. Favorire l'accesso al credito
FB09. Miglioramento della concentrazione dell’offerta e sviluppo di reti strategiche tra imprese
FB10. Favorire innovazione, differenziazione di prodotto, logistica e nuove forme di commercializzazione
FB11. Comunicazione e informazione nei confronti di operatori, stakeolder, consumatori e collettività
FB12. Dare continuità agli strumenti assicurativi esistenti, ampliare l’accesso delle imprese alle polizze multi rischio
FB13. Ampliare la copertura dei rischi e favorire la stabilizzazione del reddito per le imprese agricole
FB14. Tutelare le imprese dalle conseguenze delle calamità naturali, delle avversità atmosferiche e degli eventi catastrofici
FB15. Miglioramento della qualità e della connettività ecologica in ambito agricolo e forestale
FB16. Conservazione attiva dei paesaggi rurali storici e riqualificazione dei paesaggi rurali ordinari
FB17. Valorizzazione e conservazione delle risorse genetiche in agricoltura
FB18. Efficiente utilizzo della risorsa idrica nel comparto agricolo
FB19. Migliorare lo stato chimico ed ecologico delle risorse idriche e salvaguardare i terreni agricoli da possibili fenomeni di contaminazione
FB20. Salvaguardia idrogeologica e protezione della qualità e struttura dei suoli agricoli e forestali
FB21. Uso sostenibile dell’energia e delle risorse naturali non riproducibili
FB22. Sostituzione dei combustibili fossili e sottrazione di gas ad effetto serra dall’atmosfera
FB23. Limitazione delle emissioni in atmosfera dei gas a effetto serra e dell’ammoniaca in agricoltura
FB24. Migliorare la fruibilità dei territori rurali e del relativo patrimonio naturale e storico-culturale
FB25. Accrescere la capacità dei territori di proporre un’offerta turistica aggregata ed integrata
FB26. Stimolare la diversificazione dell’economia rurale
FB27. Animazione dei territori e delle reti locali per la valorizzazione e diffusione di esperienze
FB28. Qualificazione e valorizzazione del patrimonio naturale, paesaggistico e storico-culturale
FB29. Migliorare l’accesso e la qualità dei servizi alla popolazione con un approccio innovativo e di sistema
FB31. Sviluppare e diffondere l’impiego delle ICT
FB32. Sostenere la relazione tra diversi sistemi, aree urbane e rurali, aree montane e di pianura

Linee di Intervento proposte

25. Azioni di formazione professionale e acquisizione di competenze relative, in particolare, ai seguenti ambiti: biodiversità naturalistica, tutela della risorsa acqua e del suolo; ecosistemi dipendenti dalle foreste; efficace utilizzo delle risorse idriche mediante pratiche agronomiche collegate agli andamenti climatici e al bilancio idroclimatico delle colture; favorire l'approvvigionamento e l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili, sottoprodotti materiali di scarto, residui e materie grezze non alimentari ai fini della bioeconomia; promuovere la conservazione e il sequestro del carbonio nel settore agricolo e forestale; tecniche di condizionamento del prodotto, sistemi e certificazioni di qualità, marketing, sviluppo di filiere corte, tutela e promozione dei prodotti agricoli, ecc...; sostenibilità e miglioramento delle prestazioni globali dell'azienda, riduzione impatto ambientale, diversificazione e attività extragricole.
  • Non prioritaria per ASSOENOLOGI - RAPPRESENTANTE perchè: sono stati effettuati numerosi studi in questi ambiti, propongo di utilizzarli senza bisogno quindi di destinare nuove risorse


Interventi suggeriti:

2.2. Sostegno per l'avviamento di servizi di consulenza aziendale, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole
Questa Linea di Intervento è prioritaria per FEDERAZIONE DEGLI ORDINI PROVINCIALI DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DEL VENETO perché:
Il broker dell'innovazione deve essere una figura multiprofessionale basata sul sistema delle reti ed imperniata sull'agronomo/forestale. La costituzione di una rete in cui siano presenti oltre all'ordine professionale agronomi/forestali anche associazioni di categoria, università-ricerca, sperimentazione e organismo pagatore regionale consente di massimizzare le ricadute sul territorio delle rispettive peculiarità. Nei servizi di consulenza si impone il rispetto delle norme vigenti sull'esercizio della libera professione. - FB01, FB04, FB05, FB06, FB10, FB11, ecc.
3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione svolte da associazioni di produttori nel mercato interno
Questa Linea di Intervento è prioritaria per ASSOCIAZIONE VENETA PRODUTTORI BIOLOGICI A.Ve.Pro.Bi. - RAPPRESENTANTE ASSOCIAZIONI VENETE DEI PRO perché:
Le associazioni dei produttori biologici possono svolgere attività di informazione e promozione sui risultati ottenuti nelle aziende pilota che fanno sperimentazione e promozione dell'agricoltura biologica. In questo modo si possono divulgare i risultati ottenuti per migliorare le conoscenze dei produttori biologici e incentivare le aziende convenzionali alla conversione.